Naming – The food sister

Cucinare è volersi bene

Conoscevo Myriam dal blog Romeo and Julienne (non è un nome meraviglioso? Vorrei averglielo dato io); viaggiatrice alla scoperta di sapori e appassionata di cibo, un giorno è piombata da noi con un progetto nuovo di zecca: aiutare le persone a nutrirsi in modo sano, colorato, allegro e gustoso, conciliando la cucina con i tempi della vita quotidiana. Boom, bellissimo.
Voleva mettere in piedi un’attività di consulenza one-to-one di food coaching per insegnare a organizzarsi e cucinare piatti sani e “green” per la vita di tutti i giorni rivolto a quelle persone interessate alla cucina naturale ma poco abili, quelle che non ne conoscono gli ingredienti o che pensano che serva tantissimo tempo per mangiare sano e con gusto.

Il naming è legato ai valori

Quando chiediamo a Myriam quali siano i suoi valori, ci risponde così:

  • Genuinità: del cibo, delle materie prime, dell’approccio all’alimentazione e in generale alla
    vita.
  • Trasparenza: non ci sono trucchi e magie, ma solo tecniche e competenze. Trasparenza è anche creare un rapporto diretto, caldo, amorevole con i miei clienti.
  • Relazione: tra le persone, perché nulla meglio del cibo è in grado di creare relazioni autentiche. Cucinare per sé e per la propria famiglia diventa un piacere quotidiano, un gesto d’amore per sé e per gli altri.
  • Amore: per sé stessi in primis, e per gli altri poi. Attraverso quello che cuciniamo possiamo volerci bene e voler bene agli altri.

Tieni a mente queste parole perché sono quelle da cui siamo partiti.

Naming

Quando presentiamo un naming ci sono dentro 5 proposte molto diverse tra loro che hanno una scala di creatività crescente. Non sono tutte proposte audaci, né tutte tradizionali: ce n’è di solito una più classica o conservativa che è l’evoluzione delle idee che il cliente ha già avuto ma a cui manca qualcosa, due/tre creative che mettono in luce concetti differenti e una/due molto creative.
Dopo la compilazione del Marino possiamo orientare il lavoro e scegliere di tralasciare le troppo creative o quelle tradizionali ma di norma fare la scala aiuta anche il cliente a chiarire che tono di voce avrà il suo brand. Quando il cliente si trova a decidere, la scelta è un mix di pancia e testa che cerca il suo equilibrio. Proponiamo nomi che piacciono a noi? Certo, non proponiamo mai niente che non ci piacerebbe. Ma abbiamo scartato tanti nomi, talvolta geniali (ogni scarrafone), che ci piacevano da impazzire perché non sarebbero stati bene addosso a quel cliente. Questo è un passaggio fondamentale che si deve imparare a fare, distaccarsi quel tanto che basta dal proprio gusto per fare il bene del cliente e perché il nome non è creatività pura, è l’insieme di creatività e strategia. Quindi la domanda non è “è bello o non è bello?” quanto “funziona o non funziona?”.

Myriam ha scelto la proposta più tradizionale delle cinque che abbiamo creato per lei, quella che conteneva l’evoluzione della sua idea iniziale. Aveva girato intorno a questi nomi: food coach, food sitter e food mama che per un motivo o per un altro non la convincevano (e ha fatto bene).

The food sister

Questo è quello che Myriam si aspettava dal suo nome:

Un nome originale, fresco, divertente che suggerisca l’approccio relazionale del mio lavoro.

Sister (dall’inglese sister, sorella) riesce a rendere bene la sensazione che vuole comunicare: mette la relazione al centro e utilizza un approccio informale, un consiglio da parte di chi ti vuole bene proprio come farebbe una sorella, che è tua partner nelle avventure incredibili che solo con le sorelle si possono fare. Confidenza, riconoscenza, parità come anche empatia, tanti sorrisi e sperimentazione.
Cosa c’è di più rispetto ai suoi food coach, food sitter e food mama? Coach risulta più freddo e impersonale: non rende l’idea di cura, amore e relazione su cui punta Myriam. Sitter dall’inglese “custode” è più un accudimento: ma non è esattamente questo che fa Myriam. Guida sì, ma si mettono le mani in pasta, c’è molta azione, che con “sitter” non arriva totalmente. Sitter è più mi guardi il bimbo? Mi guardi il cane? Mi guardi il cibo? No.
Mama ci ha fatto subito pensare a Big Mama o zignorina Rozella: bisogna fare attenzione agli evocativi, i pensieri e le sensazioni che sono collegate al nome. Tutto questo non corrisponde all’immagine di Myriam, giovane, solare, filiforme, delicatissima, curata.
Il the dà quel tono di autorevolezza: è come se dicesse “sei tu l’unica”. Myriam ci spiegava di essere la prima a fare questo tipo di consulenze sartoriali.
Food inquadra il settore di appartenenza, così possiamo capire subito di che ambito si tratta.
The food sister è un naming che sa di buono e sa di vero, chiarisce quello che Myriam fa e come lo fa.

 

La foto in copertina di Myriam con l’avocado è della mitica Giui.

 


Ho conosciuto Chiara e BalenaLab attraverso il web e ho avuto modo di apprezzare lo stile fresco ed efficace dei suoi testi. Quando è stato il momento di creare il nome per il mio progetto, non ho avuto dubbi nel rivolgermi a lei: sapevo che avrebbe saputo cogliere l'essenza del mio business. Ho lavorato con lei a distanza e sempre con molta trasparenza e chiarezza, il lavoro è stato veloce e incisivo, il risultato: un vero colpo di fulmine!

Myriam Sabolla, The food sister


 

Ti piacerebbe avere un naming tutto tuo che racconti chi sei a tutti? Compila il form qui sotto, ti aiutiamo noi!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Spuntando questa casella ci autorizzi al trattamento dei tuoi dati personali, ne avremo cura.